Blend4 nasce su di un’impronta di cucina toscana e si evolve con le visioni internazionali portate dai vari chef che si sono susseguiti. Oggi la brigata di cucina è magistralmente capitanata da Davide Gambitta. La nostra missione è quella di farvi vivere un’esperienza sensoriale, coinvolgendo tutti e quattro i sensi. Tradizione e rispetto della materia prima i due cardini su cui poggia il nostro lavoro in cucina, assieme ad una profonda attenzione all’abbinamento con le parti enologiche ed artistiche celate all’interno delle mura del locale.

Luigina Gazzola

“Accoglienza” è la parola chiave che guida la vita professionale di Luigina. Da sempre orientata verso la parte più intima dell’esperienza enogastronomica, il suo iter lavorativo la pone in sala, luogo di contatto diretto con gli ospiti per il quale è necessario esperienza, strategia organizzativa e grande cortesia. La lunga carriera in contesti che spaziano tra ristoranti stellati e wine bar, banchettistica ed eventi outdoor, fa sì che Luigina porti a Blend4 un contributo di fondamentale importanza per la gestione globale del locale, dalla cura della clientela alla logistica, dalla mise en place al management aziendale. Il suo obiettivo all’interno di Blend4 è di far sentire l’ospite a casa, sia che si tratti di un pranzo veloce e informale, sia durante una cena di gala.


Davide Gambitta è il nostro chef.

Sognare un giorno di diventare un grande ragioniere e svegliarsi poi a dirigere la cucina di un ristorante. Questa potrebbe essere in sintesi la vita professionale di Davide Gambitta. Nel suo percorso di crescita, sapeva che la ragioneria non faceva per lui ed ogni giorno che passava, per Davide, si stava delineando un futuro chiaro e nitido, dove poteva coltivare le sue due grandi passioni. La cucina ed i viaggi. Così preparò il passaporto e approdò nelle cucine di ristoranti in giro per il mondo. Staccò biglietti per Singapore, Ibiza ed Isole Greche. Poi il ritorno in quel di Varese, a casa sua, dove maturò esperienze in ristoranti stellati come Schuman e Quattro Mori. Si trasferì anche a Firenze, dove conobbe Filippo Scapecchi e con lui nacque una straordinaria amicizia, tanto che Filippo lo volle al Blend nel gennaio 2016, fino a diventarne il suo successore alla guida della nostra cucina.